Guida ai mini bond

Andrea Meiani, Luigi Rizzi, David Sabatini
Presentazione

La crisi finanziaria ed economica degli ultimi anni ha evidenziato il tema del finanziamento delle imprese in Italia: da un lato le banche sono chiamate a confrontarsi con una regolamentazione internazionale più stringente in termini di capitale, liquidità e leva finanziaria, dall’altro le imprese risultano indebolite dalla congiuntura economica, con una minore propensione a investire e una struttura finanziaria fortemente sbilanciata verso l’indebitamento bancario. È diventato dunque sempre più urgente far fronte a una situazione in cui il sistema creditizio difficilmente potrà continuare a rappresentare l’unico canale di finanziamento delle piccole e medie imprese. Nell’ambito degli strumenti di finanziamento delle imprese complementari al canale bancario, stanno acquisendo un ruolo crescente i mini bond, introdotti nel 2012 con il Decreto Sviluppo e successivamente perfezionati con altri interventi normativi. Essi possono essere emessi da società non quotate, di media e piccola dimensione (ad esclusione delle micro imprese) e godono di un adeguato trattamento fiscale e della possibilità di essere negoziati in un sistema multilaterale e non più esclusivamente in un mercato regolamentato. Il mercato dei mini bond rappresenta per le banche una opportunità importante, potendo affiancare e supportare le piccole e medie imprese nell’accesso al mercato dei capitali tramite servizi di consulenza, strutturazione e ricerca degli investitori.

La Guida, dopo una panoramica generale sugli strumenti di finanziamento delle imprese complementari al credito tradizionale, si focalizza sul mercato delle obbligazioni societarie e in particolare sui mini bond, esaminandone in profondità gli aspetti societari e regolamentari, il regime fiscale, le diverse fasi del processo di emissione, con particolare attenzione al ruolo dei soggetti coinvolti, all’analisi di fattibilità dell’operazione e alla sua strutturazione, alle garanzie e agli adempimenti.

In una sintetica ma esaustiva Appendice sono poi presentati, oltre all’elenco delle società che hanno emesso mini bond di importo superiore a 50 milioni di euro tra febbraio 2013 e ottobre 2014, i risultati di una indagine comparativa concernente le caratteristiche e i processi di investimento di nove Fondi di mini bond costituiti

da SGR sia italiane che estere.

Uno strumento utile e operativo, un efficace orientamento per le PMI interessate, per le banche, e per tutti coloro che operano nel mercato finanziario, che deve tornare alla sua funzione tipica: indirizzare il risparmio verso le attività maggiormente produttive.



Copyright Bancaria Editrice 2015 – ISBN: 978-88-449-1035-8

Indice

Prefazione
Giuseppe Vegas
 
1. Gli strumenti di finanziamento delle imprese complementari al credito tradizionale

1.1 La struttura finanziaria delle imprese italiane
1.1.1 Le imprese italiane e l’accesso al mercato dei capitali
1.1.2 I nuovi strumenti di debito per le piccole e medie imprese
1.2 Vantaggi e costi per l’impresa nel ricorso ai mini bond

2. Il mercato delle obbligazioni societarie e dei mini bond

2.1 Il mercato obbligazionario internazionale
2.2 Il mercato italiano delle obbligazioni societarie
2.3 Le esperienze europee di mercati obbligazionari per le Pmi

3. Aspetti societari e regolamentari dei mini bond

3.1 Profili societari
3.2 Profili regolamentari

4. Il regime fiscale dei mini bond

4.1 Il regime fiscale degli interessi delle obbligazioni per gli investitori
4.1.1 Regime fiscale per gli investitori non residenti
4.2 Regime fiscale degli interessi delle obbligazioni per gli emittenti ai fini delle imposte dirette

5. Il processo di emissione dei mini bond

5.1 Il ruolo dei soggetti che partecipano al processo di emissione
5.1.1 L’advisor legale e fiscale
5.1.2 Il ruolo delle banche e degli altri intermediari finanziari
5.1.3 Gli investitori istituzionali: i fondi
5.1.4 L’agenzia di rating
5.1.5 Il revisore legale e la società di revisione legale
5.2 Le fasi del processo di emissione 
5.2.1 Valutazione preliminare della sussistenza dei requisiti minimi per l’emissione di mini bond
5.2.2 Valutazione degli elementi quantitativi della società emittente e redazione di un piano economico-finanziario
5.2.3 Adempimenti normativi e regolamentari
5.2.4 La strutturazione del prestito obbligazionario
5.2.5 L’emissione e il collocamento dei mini bond
5.3 Le garanzie per l’emissione dei mini bond
5.4 L’ammissione a quotazione dei mini bond
5.4.1 Adempimenti per la quotazione dei mini bond sul segmento
ExtraMOT PRO di Borsa Italiana

Appendice

1. Le società emittenti mini bond
2. Analisi comparativa dei Fondi di mini bond
Glossario 
Bancaria Editrice
ABIServizi S.p.A.
Via delle Botteghe Oscure, 4 - 00186 Roma
P.Iva 00988761003
ABICloud: ISSN 2499-4340